Categoria: Pubblicazioni

Caricamento

IL FATTORE VON WILLEBRAND: UN LEGAME TRA EMOSTASI E IMMUNITà€ INNATA

Il fattore di von Willebrand (VWF) svolge numerose altre funzioni, oltre a quella di promuovere l’emostasi primaria. Studi recenti e meno recenti ne hanno evidenziato il ruolo di inibizione dell’angiogenesi e stimolazione dell’apoptosi delle cellule tumorali, nonché di regolazione della risposta infiammatoria. Tuttavia, non ne sono ben noti i meccanismi attraverso cui esplica i suoi effetti immuno-modulatori.
Segui il videocommento di A. Gringeri

Per saperne di più

Lo stato articolare di pazienti con emofilia non grave

Sono stati recentemente pubblicati dalla rivista Journal of Thrombosis and Haemostasis i risultati di uno studio sullo stato articolare dei pazienti con emofilia non grave che generalmente sono ritenuti a basso rischio di sviluppare artropatia. I dati raccolti in questo studio ci offrono interessanti spunti di riflessione e implicazioni per la nostra pratica clinica quotidiana.

Per saperne di più

Mutazioni nonsense del dominio B e sviluppo di inibitore: verso la comprensione dei meccanismi molecolari

E’ stato recentemente pubblicato su Haematologica un paper dal titolo:”Translational readthrough at F8 nonsense variants in factor VIII B domain contributes to residual expression and lowers inhibitor association”. Si tratta di un ulteriore  importante contributo che il gruppo di biologi molecolari dell’Università  di Ferrara realizza in collaborazione con centri clinici AICE, progetto per il quale Alessio Branchini ha ricevuto uno dei Premi Idee Giovani per la Ricerca banditi da AICE in occasione del XVII Convegno Triennale 2017.

Per saperne di più

Focus: la profilassi antitrombotica in chirurgia nei pazienti con malattie emorragiche congenite

La trombosi rappresenta una delle principali cause di mortalità  essendo responsabile di circa uno su quattro decessi in tutto il mondo. L’embolia polmonare, che è spesso conseguenza di una trombosi venosa profonda, anche asintomatica, è responsabile del 5-10% dei decessi ospedalieri e costituisce la più comune causa prevenibile di morte intra-ospedaliera.

Per saperne di più
Caricamento

Benvenuto Socio AICE:

Newsletter

Inscriviti alla nostra newsletter e resta aggiornato con le nostre iniziative

Gestito in menu Integrazione di Extra theme!

PROSSIMI EVENTI AICE